Forse ho fatto una cazzata

 Ebbene si, capita anche ai migliori, stavolta ho messo il mio futuro in bilico, non che sa la prima volta che lo faccio, però stavolta rischio veramente di dover far le valigie. Di solito sono un attimo più prudente, ma le cose sbrilluccicose piacciono a tutti no?

Sveglia!

 Mi fa male la testa, ho un po’ di nausea, accidenti alla birra e alle feste. Preso dall’ansia del conto bancario che si sta per esaurire, mi tiro su dal letto. Bene, non ho piu’ sigarette, il pacchetto vuoto mi fissa dal comodino. Osservo attentamente il pavimento cercando di farmi un programma mentale e impostare la nuova giornata. Fuori dalla finestra il cielo e’ triste e pensoso, sembra sull’orlo delle lacrime. I due portatili che attualmente ho in camera sembrano vispi e attivi, le loro lucette intemittenti mi invitano ad appollaiarmi sulla sedia di fronte al monitor. Cedo alla tentazione, come rifiutare l’invito di alcune lucette intermittenti. Devo controllare la posta, nei giorni passati ho inviato diverse migliaia di curriculum vitae ma sembra che le persone piu’ competenti ce l’abbiano con me e si divertano a soffiarmi i lavori. Prima di controllare le mail, ruoto la sedia e fisso il mio posto letto, anche lui e’ un po’ triste, noto sul cuscino dei segni bianchi, bere non fa bene, e la bavetta che ha lasciato quell’alone lo conferma. Decido che il letto non e’ di mio interesse, ed anche se e’ triste prima o poi gli passera’. Il comodino e l’armadio ormai se ne sono fatti una ragione, il primo e’ conscio del fatto che non verra’ mai spolverato, il secondo invece e’ al corrente che inghiottire troppi vestiti puo’ causare un indigestione contemporaneamente sta pensado che verra’ rimpinzato a dovere non appena i panni saranno asciutti. Evito di fissare di nuovo il pavimento, mi sono gia’ reso conto che andrebbe pulito, ma i gatti di polvere, peli e capelli sembrano cosi’ felici che sarebbe crudele decidere di escluderli dalla mia modesta sistemazione. Purtroppo nessun nuovo messaggio, questa si prospetta una lunga giornata.

Segni zodiacali

Chi crede a queste panzane? Io da poco ci credo, ho scoperto il mio ascendente, e se alcune considerazioni per il mio segno zodiacale erano corrette, con l’ascendete mi e’ sembrato che il tizio/a che ha scritto quel pezzo mi conoscesse. Una cosa allucinante se ci pensate. Io sono sempre stato pittosto scettico, pero’ c’e’ da dire anche che questi individui ci prendono!

Io faccio Leone ascendente scorpione ๐Ÿ˜€ e voi?

La speranza e’ l’ultima a morire

 Sono un po’ sconsolato ultimamente, mi sembra che le cose non vogliano riprendere a girare. Non riesco a trovare lavoro, ed il motivo è "Abbiamo trovato gente più qualificata". Ma che due palle, almeno ti facessero uno schifo di test, sto pensando seriamente di contraffarre il CV, almeno per arrivare al colloquio tecnico. E’ già la terza volta che vengo segato sulla carta anche se l’intervista è andata bene. 

Sto considerando seriamente di tornarmene a casa.

La cittร 

 Finalmente ho conosciuto un po’ della vita notturna che mi attrae e spaventa, grazie bestiaccia ^_^ e ho visto scene e mi sono mescolato al marasma di corpi che si dimenano in quel di Londra, e c’ero anche se mi sono perso scene allucinanti, ancora grazie bestiaccia ^_^ e stasera, che è un venerdì sera vorrei tornarci, ma da solo la gittà è troppo grande e vorace per trovare il coraggio di uscire. 

Devo dire che mi è piaciuto cazzeggiare e dimenarmi, anche se è un attimo dispendioso, anche se la mattina dopo si è un sacco più pesanti fisicamente ma più leggeri mentalmente. Ci sono posti tipo il centro sociale (con rabbia dentro) e l’ultimo club, dove era meglio entrare con i pugni nelle mani. Quando vedi che in un posto a pagamento non ti danno da bere perchè c’è ressa e te ne esci e vai nel posto accanto che è più tranquillo, quando la barista ti fa: "con così poco non puoi usare la carta di credito" e il tuo amico imbelle trasforma la tequila in una tequila doppia, quando trovi un italiano con un che da serial killer a cui hanno appena scippato la fotocamera da un chilo di euro e te ne scappi pensando ti voglia rapinare, quando il senso di colpa ti attanaglia per aver lasciato in balia del tipo un’altra poverina e chiami la polizia. Quando fai uscite un attimo sbagliate a proposito di una lasagna, e mini la tranquillità casalinga di una persona conosciuta un giorno prima (scusa Andrea). Quando pensi che i segni zodiacali non c’entrino un cazzo nella vita e ti trovi ad andare d’accordo solo con quei 4 segni zodiacali, quando guardi fuori dalla finestra e speri per un attimo che i tuoi amici vengano a trovarti per vivere qualcosa di più complesso di una partita online. 

Uff vorrei che molti di voi fossero qui, una città con otto milioni di abitanti sembra veramente vuota senza le persone che contano qualcosa nella mia vita. Vado a farmi una partitina va’ ๐Ÿ˜›

Daniel, io, il contrabbandiere e il troll

 Bene, finalmente Daniel è riuscito ad arrivare a Londra, ed ho un po’ di tempo di raccontarvelo (in effetti i ritmi di vita ultimamente sono stati poco sostenibili). L’undici aspesstavo la telefonata che mi avrebbe avvisato del suo arrivo in aereoporto, che diversamente dal solito è arrivata puntuale:

io:"Ciao bestia, allora arrivato? Trovato il treno?"

Daniel: "Mauroo, cazzo mi hanno fermato in dogana"

io ridacchiando: "Ma stai scherzando? come ti hanno fermato in dogana?"

Daniel: "Ho la carta d’identità distrutta, e la tipa si è fermata a farmi controlli"

io:"No non ci credo, mi stai raccontando cazzate, prima le ceneri e adesso questa? MA dai era l’unica cosa che poteva andare storta dopo essere salito sull’aereo"

Daniel: "eh bho ah"

io: "Richiamami quando hai scoperto cosa succede pagliaccio"

Poi alla fine ha fatto tenerezza alla tipa caustica in dogana, che lo ha fatto passare (non prima di controllare una marea di documenti, patente compresa). Così ci siamo poi visti ed abbiamo girato su e giù per la città, e siamo andati per clubs e musei, abbiamo preso un taxi e un sacco di autobus notturni, abbiamo incontrato Andrea e Luca, visto il centro sociale disagiato, incontrato i coinquilini di Andrea e scroccato una cena a casa sua, riscoperto "rocchio 47", "oh ma sei scemo", "il sesto scemo" e ci siamo svegliati tardissimo. Daniel ha addirittura fatto colpo su una svedese, abbiamo visto un vero troll, tatuaggiato oltre ogni dire. Ci siamo divertiti come due scemi, ancora due giorni di festa purtroppo, in più io oggi ho un colloquio di lavoro, quindi sarò impegnato gran parte della giornata, cioè mi sono appena svegliato e ho il colloquio tra 3 ore. Ahhh che fatica ^_^

Solitudine

E’ solo una settimana che sono tornato a Londra, mi sembra una vita, mi mancano gli amici, e non avere una minchia da fare tutto il giorno di sicuro non aiuta. Sto leggendo parecchio, o almeno più del solito, pensare alle disavventure di qualcun’altro mi tiene la testa occupata ^_^ Internet in questo contesto è un po’ velenoso, ti fa sentire tutti così vicini e lontani allo stesso tempo. Fortunatamente qualcuno mi verrà presto a trovare, vulcani e ceneri permettendo ^_^

Ho smesso di fumare, però vedremo per quanto, per ora sono 4 giorni interi. So che non durerà :P.

Ultimamente i miei sogni si sono fatti inquitanti, ho sognato un aereo che precipitava. O meglio la scena è stata più o meno così: "mi sono svegliato in piena notte, ho guardato fuori dalla finestra e ho visto un aereo passare, mi sono detto: "eh prova a immaginarti se cascasse", detto fatto, l’aereo ha iniziato a precipitare, ed è caduto dietro casa mia (un bel po’ lontano) l’esplosione ha fa tto un disastro e tirato cose sulla mia casa, che però non mi è crollata addosso. Poi ho sognato di fumare, e mentre compravo le cicche all’interno del sogno, mi davo delle giustificazioni da quattro soldi sul perchè avrei potuto comprarle senza sentirmi in colpa.