Ciottoli

E’ un po’ che non aggiorno il blog, sono stato impegnato altrove, anche se è solo una parte del motivo per cui non ho più scritto nulla.

Oggi mi sento particolarmente ispirato, credo sia un allineamento di pianeti particolare, o magari mi spiace che chi passa da queste parti non possa leggere nessuna nuova notiza.

Sono stato colpito da una fotografia su una rivista, c’erano un bambino ed una bambina che ammassavano sassi. Erano li accucciati con le manine sporche che cercavano di finire una complessa opera. Il punto a cui erano arrivati non diceva un gran che sull’utilità della struttura, però sicuramente andava in una direzione. Adesso che sono più grande, e cerco un significato "profondo" nelle cose ho avuto l’impressione che quell’opera avesse un senso. Mi sono rivisto bambino, con tanti sogni e tante cose da fare, anch’io con dei sassi in mano, che mi chiedo cosa farò da grande. Poi mi sono rivisto grande, e ho visto la montagnetta di sassi che sono riuscito ad ammassare ed un’altra altrettanto grande, quella con i sassi scartati.

Poi ho visto che i sassi significavano qualcosa, l’ultimo sasso appoggiato sulla montagna utile mi ricordava il diploma di laurea, che quelli un po’ sotto rappresentavano traguardi raggiunti, opere completate, è una montagna che fa sorridere e riaccende ricordi piacevoli. 

L’altra è un po’ più grigia, rappresenta degli obiettivi che ormai non saranno più raggiunti, mette tristezza. Però guardandola meglio forse non è poi così triste, anche questa montagna fa ricordare sogni ormai dimenticati che ti lasciano con una gran sensazione di nostalgia. Nonostante siano stati dei ciottoli che non si sono aggiunti alla montagna delle cose fatte è giusto portarseli dietro, dopotutto fanno parte di quel che siamo.

Guardandomi meglio attorno mi sono accorto di essere in un cortile, e i sassi sono un po’ dappertutto, non resta altro da fare che raccoglierli e metterli sulla montagna giusta.

Pensata del giorno

Essere innamorati di qualcuno, è come avere in tasca del tritolo ed in mano un telecomando mal funzionante. 

Voler provare a confessare il proprio amore, è come premere il bottone sul telecomando e vedere cosa succede.

Post interessante sull’anonimato e non

 Uhm dopo l’ultimo post, quello dove ho messo la mia faccia, mi è nato questo quesito, ma è vero che essere anonimi su internet è sempre bello? Io scrivo sul mio blog su per giù quello che penso, non spettegolo quasi mai, o se lo faccio credo di riuscire a farlo senza che i più leggendo i post possano capire a cosa mi riferisco. Qualche tempo fa pensavo che essere un nickname avesse solo aspetti positivi, per esempio se qualche esagitato ti perseguita, puoi semplicemente sparire, con la certezza che non riuscirà mai a trovarti. Poi però che blog personale è se effettivamente sei un mister X?

Tanto più che se qualcuno passa di qua e mi parla per un po’ ottiene facilmente msn e magari amicizia su facebook. Resta però il fatto che non sempre questa situazione è allegra, nel senso che se con qualcuno ti metti a chiacchierare magari ti fai un’idea che non è lontanamente vicina alla realtà, nel bene e nel male. 

A me è capitato diverse volte di aver costruito castelli in aria, bhe non di recente ma qualche tempo fa, per poi trovare le mie aspettative disattese. Non credo di essere letteralmente un bel ragazzo, per cui credo di aver disatteso le aspettative di qualcuno in un modo o nell’altro, però il blog è un mio spazio, anche se è pubblico ho deciso che appiccicarci la mia faccia non lo scredita a gli dà valore, ho deciso di accostare il mio blog alla mia persona alla fine ^_^ La scelta può essere condivisibile oppure no, voi cosa ne pensate? 

Look

 Ho cambiato un’attimo acconciatura, ovvero mi sono rasato i capelli. Purtroppo sti maledetti hanno iniziato ad abbandonarmi, poco male combatterò il fuoco con il fuoco 🙂 

Ecco come si presenta attualmente il mio faccione ^_^

p.s. Se dovete commentare, dato che siete amici saranno tollerati solo commenti positivi, altrimenti potrei venire a cercarvi 😛

Cartellone di laurea

 Non ero sicuro se mettere il cartellone di laurea o no, nel dubbio lo attacco 😀 Leggerlo è stato un calvario, non credo di aver impiegato meno di un’ora per leggerlo, per fortuna eravamo tutti comodi e avevamo già mangiato e bevuto un po’.

 

Volevo metterne una versione leggibile, però dovevo caricare il pdf e scoppiava un casino, ringrazio quelli che si sono sbattuti per scriverlo 😀

 

Ora di rimboccarsi le maniche

 E’ un po’ che cazzeggio pesantemente, oggi mi sono rimesso in moto, sto ristudiando basi di dati, più leggo e più mi accorgo che ho fatto l’esame un po’ ehm… Ora che ho ripreso in mano tutto quanto e che lo faccio per conto mio mi sento decisamente meglio, la voglia di fare mi sembra essere tornata di colpo 😀

Ho trovato una nuova preferita, per chi non sapesse cosa sia, ve lo lascio immaginare. Ora basta trovare un po’ di coraggio, e se non lo trovo pazienza, sarà per la prossima volta =)

Torno alle mie scartoffie.